SFEF

2021/52

Il trattamento fiscale delle obbligazioni ibride perpetue qualificate come equity ai sensi dello IAS 32


La recente Risposta n. 291/E/2020 dell’Amministrazione finanziaria affronta la qualificazione e il trattamento fiscale delle obbligazioni ibride emesse da società non regolamentate (“corporate hybrid bond”) che vengono contabilizzate come strumenti di capitale in base ai principi contabili internazionali, confermandone la qualificazione quali “titoli similari alle obbligazioni” ai fini fiscali, con conseguente applicazione del regime speciale dell’imposta sostitutiva di cui al Decreto Legislativo n. 239 del 1996 e piena deducibilità della relativa remunerazione in capo al soggetto emittente. Il citato documento di prassi rappresenta un interessante spunto per ricostruire le principali caratteristiche di questi strumenti finanziari e per meglio comprendere i potenziali vantaggi per le società che decidono di farvi ricorso.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.