SFEF

2021/52

Il mancato perfezionamento della voluntary disclosure per pagamento intempestivo nella lettura della Corte Costituzionale


Con l’ordinanza n. 261/2020 la Corte costituzionale ha dichiarato la manifesta inammissibilità delle questioni di legittimità delle disposizioni della voluntary disclosure volte ad escludere il perfezionamento della procedura - e della produzione dei correlati effetti premiali - nei casi di mancato pagamento tempestivo di quanto dovuto o di una delle rate. Trattandosi di un provvedimento di regolarizzazione eccezionale e temporaneo, era infatti essenziale la previsione di norme di decadenza – e non aventi natura punitiva - dirette ad assicurare la corretta applicazione della procedura, senza pregiudicare oltremodo l’ordinaria applicazione delle sanzioni poste a presidio dell’inderogabilità del dovere tributario.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.