SFEF

2021/53

L’adesione “coattiva” del creditore tributario e contributivo all’accordo di ristrutturazione dei debiti ex art. 182- bis legge fall.


Il diffondersi sempre più ampio della crisi, innescata e sospinta dalla pandemia, ha portato il legislatore a modificare la legge fallimentare, anticipando una misura introdotta nel codice della crisi - l’adesione forzosa dei creditori tributari e contributivi ai concordati preventivi e agli accordi di ristrutturazione del debito – che si prevede abbia un notevole impatto sul successo di tali strumenti di regolazione della crisi d’impresa. Il presente contributo esamina il nuovo istituto, limitatamente alla transazione fiscale e contributiva negli accordi ex art. 182-bis l. fall., prendendo spunto da una recentissima pronuncia del Tribunale di Firenze, che si segnala come uno dei primi provvedimenti giurisdizionali in cui l’adesione forzosa viene applicata.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.