SFEF

2021/56

Finanziare sviluppo e innovazione  per una crescita sostenibile


La crisi indotta dall’epidemia da COVID 19  ed anche la ripresa, superiore alle aspettative,  hanno evidenziato ulteriormente punti di forza e debolezza delle imprese sotto l’aspetto finanziario, stante l’aumentato rapporto di leverage determinatosi, ma anche in relazione al business model, all’organizzazione e al grado di innovazione. Le imprese si trovano ora ad a dover affrontare le sfide di tre transizioni di grande rilevanza:  ecologica ( che comprende quella energetica) , digitale e sociale.  Il quadro competitivo in gran parte dei settori è atteso in tempi non lunghi modificarsi in modo significativo.Vision, strategia e capacità di execution sono indispensabili nelle imprese di ogni dimensione, ma è anche necessario che le stesse dispongano di capitali, adeguati in termini di rischio e durata, che permettano di effettuare tempestivamente gli investimenti in beni materiali, immateriali e in capitale umano o di crescita esterna    necessari per affrontare proattivamente il cambiamento. Le  imprese ed in particolare le PMI debbono ampliare la conoscenza di pregi e limiti sia degli  strumenti  finanziari innovativi offerti dal sistema bancario, sia delle possibilità offerte  dagli operatori della cosiddetta “alternative finance”, nonché  dell’apertura  diretta al  mercato  con l’emissione di strumenti di debito e di equity, rapportandoli alle proprie esigenze . Associazioni imprenditoriali e professionisti possano contribuire fattivamente a accompagnare le imprese in questo processo.

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.